Siti Archeologici

Il fascino del passato è ancora vivo in Grecia ed è impossibile non esserne ammaliati. Ogni angolo del paese ellenico è praticamente un sito archeologico!

Siti Archeologici

Il fascino del passato è ancora vivo in Grecia ed è impossibile non esserne ammaliati. Ogni angolo del paese ellenico è praticamente un sito archeologico: il Peloponneso, il monte Olimpo, Delo, Delfi, Argo, Micene, Cnosso, Sparta, Corinto e, per finire ma sicuramente non l’ultima, la capitale Atene.

Dalla fine dell’Ottocento la Grecia è stata territorio di missioni archeologiche anche da parte di altre nazioni. Iniziò la Francia e oggi operano in Grecia ben quindici paesi stranieri, ognuno presente sul territorio con più gruppi di scavo.

Alcuni siti archeologici in Grecia

Acropoli di Atene

L’Acropoli di Atene è la più rappresentativa delle acropoli greche e monumento di importanza mondiale. E’ una rocca, spianata nella parte superiore, che si eleva sopra la città di Atene.

Cencrea

E’ un insediamento costiero incluso nel municipio di Corinto. Affacciata sul golfo Saronico, la città fu, durante il periodo classico, uno dei due porti marittimi della polis dorica ed uno dei più importanti scali commerciali greci.

Cnido

Situata nell’Anatolia, nella regione della Caria, Cnido era una antica città greca. Dell’antico insediamento sopravvivono alcuni reperti monumentali come i muri ciclopici, i resti di due porti e due teatri, oltre alle tracce di un grande edificio, forse un tempio.

Cnosso

Posto nella parte centrale dell’isola di Creta, Cnosso è il più importante sito archeologico dell’età del bronzo. Fu un importante centro della civiltà minoica e il suo palazzo è legato al mito di Minosse e del labirinto costruito da Dedalo, e a quello di Teseo e il Minotauro.

Delfi

Delfi, conosciuta anche come Delphi, è un importante sito archeologico sulle pendici del monte Parnaso. Era l’ombelico del mondo greco, la sede del più importante e venerato oracolo del dio Apollo.

Delo

Delo o Delos è una piccola isola delle Cicladi nei pressi di Mykonos. Nell’antichità l’isola si chiamava Ortigia o Ortyghia, ed è stata abitata sin dal 3000 a.C..

Epidauro

Epidauro è una piccola città greca dell’Argolide, conosciuta principalmente per il suo santuario dedicato ad Asclepio e per il suo teatro, ancora utilizzato al giorno d’oggi per accogliere rappresentazioni teatrali.

Festo

Situata nella parte meridionale dell’isola di Creta, Festo è uno dei siti più importanti della civiltà minoica.

Heraion di Samos

L’Heraion di Samos è un tempio dedicato ad Era che si trova sull’isola di Samos nell’Egeo nordnrientale, costruito dagli architetti Theodoros e Rhoikos nel 540 a.C..

Micene

Nei pressi della città di Argo, l’antica città di Micene aveva un’acropoli, sulla quale sono rinvenibili la celebre porta dei Leoni, la tomba di Agamennone e il palazzo reale.

Olimpia

Luogo di culto di grande importanza, Olimpia è soprattutto famosa per essere la sede dell’amministrazione e dello svolgimento dei giochi olimpici.

Pythagoreion

Il Pythagoreion, sull’isola di Samos, è un complesso costituito da un antico porto fortificato e dai resti di numerose strutture di epoca greca e romana, fra cui un notevole antico acquedotto.

Tirinto

Tirinto è un’antica città dell’Argolide, in Grecia. Della città restano soltanto alcuni resti archeologici: le mura e le rovine del Palazzo reale, scoperto da Heinrich Schliemann tra il 1884 e il 1885.

Vergina

Vergina o Verghina è un paesino del nord nella regione della Macedonia Centrale. E’, al giorno d’oggi, è uno dei più importanti luoghi archeologici. Prende il nome da una leggendaria regina morta suicida nel fiume Aliakmone dove si era gettata per non cadere nelle mani dei turchi. Con la scoperta della tomba di Filippo II, è stato dimostrato che la prima capitale della Macedonia antica è da identificare proprio in Vergina.

Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 3.6 su 5 voti