Albania

Grazie alla sua vicinanza, l'Albania è una destinazione interessante da aggiungere ad una vacanza in Grecia, che coniuga mare e storia, arte e cultura
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze
Cerca

Vicina alla Grecia sia geograficamente che culturalmente (anche se nè i greci nè gli albanesi lo ammetteranno mai), l’Albania sarà una vera e propria scoperta. Un territorio completamente isolato dal mondo fino alla fine degli anni ’90, che è riuscito a rinascere dal periodo più buio della sua storia e sta piano piano conquistando i cuori dei turisti di tutta Europa.

Un viaggio in Albania, sia come meta a sè stante che come parte di un itinerario in Grecia, è l’ideale per venire a contatto con un popolo cordiale e amichevole, con una storia spesso sconosciuta, e con delle bellezze naturalistiche di primo livello. In Albania ci si va anche – e soprattutto – per il mare: la sua costa, specialmente quella che va da Valona al confine greco, possiede splendide spiagge, un mare dai colori turchesi e una ricettività alberghiera sorprendentemente sviluppata.

Infine, cosa che non guasta mai, in Albania si spende davvero poco. Vale la pena quindi scoprire questo pezzo di Adriatico, per conoscere una storia e una cultura secolare che va al di là degli stereotipi.

Quando andare in Albania

Gjipe Beach a Himare, a sud di Saranda

Contrariamente a quanto si pensi, l’Albania non è solo una destinazione di mare. Certo, le sue belle spiagge sono quelle che attraggono gran parte dei turisti, e quindi è naturale e scontato pensare che l’estate sia il miglior periodo per visitarla.

Ma anche fuori stagione, in realtà, l’Albania ha molto da offrire. Tirana è una città di quasi un milione di abitanti, e quindi è viva 365 giorni all’anno, anche d’inverno, quando viene addobbata con le luci di Natale e si tiene un caratteristico mercatino. Anche un itinerario culturale che tocca, ad esempio, Kruja, Berat e Argirocastro, è percorribile agevolmente in tutte le stagioni.

Grazie al suo clima mediterraneo, l’Albania non è mai troppo fredda: d’altronde si trova praticamente alla stessa altezza della Puglia, dall’altra parte dell’Adriatico. Pertanto, è una meta visitabile in ogni giorno dell’anno, anche se è la tarda primavera la stagione migliore, poichè potrete godervi temperature ideali e giornate lunghe.

Come arrivare in Albania

Il modo più semplice e rapido per arrivare in Albania è senza dubbio l’aereo. Quasi ogni aeroporto italiano prevede voli da e per Tirana, gestiti sia dalle compagnie nazionali che dalle low cost. Non si trovano quasi mai offerte sensazionali, ma il prezzo è tutto sommato buono se prenotato con un certo anticipo. Il volo dura circa un’ora. Da notare che l’aeroporto internazionale di Tirana è stato per decenni l’unico scalo del paese, fino a quando, nel giugno 2021, ha aperto l’aeroporto di Kukes, che comunque si trova all’estremità nord del paese e quindi non è ideale per un tour on the road.

Chi invece preferisce viaggiare in auto potrà farlo senza problemi, attraversando Slovenia, Croazia (con un rapidissimo sconfinamento in Bosnia) e Montenegro. Attenzione al fatto che una normale assicurazione auto italiana spesso non copre Montenegro e Albania, quindi informatevi prima di partire. Il viaggio è lungo ma ne vale la pena, specialmente spezzandolo in più tappe: si attraversa tutta la meravigliosa costa adriatica della Croazia da nord a sud, con panorami sensazionali. Lo sconfinamento in Montenegro avviene a Herceg Novi, e si prosegue lungo la costa del piccolo paese balcanico attraversandone le principali località turistiche: Kotor, Sveti Stefan, Budva e Ulcinj, per arrivare infine in Albania da nord, sconfinando nalla provincia di Scutari.

E’ anche possibile raggiungere l’Albania in traghetto: in Italia le navi partono ogni giorno più volte al giorno, dai porti di Ancona, Bari e Brindisi. Il porto principale dell’Albania è quello di Durazzo, che si trova a circa un’ora d’auto da Tirana. Se invece preferite arrivare direttamente al sud dell’Albania, imbarcatevi per Valona. Il viaggio in traghetto più lungo è quello da Ancona a Durazzo dura circa 18 ore, mentre la tratta più breve è la Brindisi-Valona, che dura circa 9 ore, con partenza alla sera da Brindisi e arrivo al mattino presto a Valona.

Infine, se volete arrivare in Albania come amano farlo gli albanesi, prendete uno dei tantissimi autobus delle agenzie locali, che partono praticamente ogni giorno da tutte le città d’Italia e arrivano ai porti di Bari o Brindisi alla sera, per imbarcarsi sul traghetto per Durazzo o per Valona con arrivo al mattino seguente. La tariffa comprende anche il passaggio ponte sul traghetto. Arrivare in Albania in autobus consente di poter portare con sè tutto il bagaglio necessario, senza dover sottostare ai limiti di peso delle compagnie aeree.

Cosa vedere in Albania

L’Albania è un paese piccolo, per dare una misura delle proporzioni è poco più grande della Toscana. Tuttavia le cose da vedere non mancano di certo, tra città storiche ottomane, una storia ricca e tormentata, una natura incontaminata e anche una splendida costa dove le spiagge si susseguono l’un l’altra.

Tirana

Per chi arriva in aereo Tirana rappresenta il primo punto di contatto con l’Albania, e pertanto sarebbe un peccato non dedicarle una visita prima di partire alla scoperta del resto del paese.

Tirana è una città piuttosto ampia, ma le attrazioni turistiche sono dislocate a breve distanza tra loro, e quindi è comodamente visitabile a piedi. Cuore pulsante della città è piazza Skanderbeg (sheshi Skenderbeu in lingua locale), dove si trovano il teatro dell’Opera e il museo storico nazionale, il più grande del paese, con il suo simbolico mosaico costruito davanti all’ingresso principale. Sulla piazza si affacciano anche la bella moschea Ethem Bey, l’edificio della banca d’Albania, il municipio della città e la torre dell’orologio, risalente al 1821.

Da piazza Skanderbeg si apre la zona del centro città: visitate il curioso museo Bunk’Art, costruito all’interno di un bunker, ed esplorate il parco Rinia – che in realtà è una piazza – subito a sud, dove è stato costruito il curioso complesso Tajvani, che comprende cinema, locali e ristoranti.

Non perdetevi poi un giro sulla cabinovia che parte dalla città e conduce sulla vetta del monte Dajti, dal quale, nelle giornate di cielo terso, si può avere una splendida vista su Tirana e sui suoi dintorni.

Maggiori informazioni

Berat e Girocastro

Berat e Girocastro (nota anche come Argirocastro, e comunque chiamata Gjirokaster in albanese) sono due città ottomane distanti circa 3 ore di macchina l’una dall’altra, ma inserite dall’UNESCO in un unico patrimonio mondiale dell’umanità.

Effettivamente condividono tra loro molte similitudini, sia dal punto di vista dell’architettura che della cultura. Entrambe sono costruite sul fianco di una collina, ed entrambe sono sormontate da un castello, che le domina dall’alto, e di cui è possibile visitare le rovine.

Va da sè che se vi trovate nel centro dell’Albania o a Tirana conviene visitare Berat, mentre se siete in zona Saranda o comunque al sud, dirigetevi senza esitazione verso Girocastro.

Butrinto

L’altro patrimonio UNESCO dell’Albania è Butrinto, un parco archeologico situato all’estremo sud del Paese, non lontano dal confine con la Grecia. Una meta ideale per un day trip da Corfù ad esempio, ma vale la pena visitarlo al meglio anche se vi trovate già in Albania.

Uno dei pochi esempi ancora in piedi di città appartenente all’antica civiltà illirica, secondo alcuni storici Butrinto risale al XII secolo a.C., e visse il suo splendore grazie alla sua posizione privilegiata, tra l’Epiro e Corfù.

All’interno dei resti archeologici si possono ammirare una serie di periodi storici e dominazioni che si succedettero nei secoli: la città infatti nella sua storia è stata protettorato romano, ostrogoto, bulgaro, bizantino e veneziano, fino a che venne ceduta a Napoleone e subito dopo conquistata dagli ottomani.

Syri i Kalter

Tra tutte le bellezze naturali dell’Albania, una menzione speciale la merita il Syri i Kalter, che in italiano si traduce come “l’occhio azzurro”. E’ una sorgente carsica che sembra uscire da un film fantasy, di forma circolare, profondissima, con l’acqua che regala delle sfumature incredibili di blu. Alcuni riescono anche a farci il bagno, ma con una temperatura dell’acqua di circa 10 gradi è un privilegio riservato soltanto ai più coraggiosi.

Attorno alla fonte del Syri i Kalter si estende una piccola zona turistica, dove un comodo sentiero passa accanto a fiumi che regalano tonalità di azzurro inverosimili, un caratteristico bar sull’acqua e una serie di spiazzi e prati dove rilassarsi.

Spiagge dell’Albania

Molti turisti sono attratti dall’Albania principalmente per le sue spiagge. Generalizzando, possiamo dividere la costa albanese in due settori: quello adriatico, che rappresenta la linea costiera settentrionale e va dal confine con il Montenegro fino a Fier, e quello ionico, che arriva fino al confine con la Grecia.

La zona nord della costa albanese è caratterizzata soprattutto da spiagge lunghe e sabbiose, tra cui spiccano quelle di Velipoje e Shengjin, molto frequentate dagli abitanti del posto durante la bella stagione. Qui il mare non è sensazionale, ma le spiagge sono comodissime e adatte ad un turismo familiare. Interessante anche una visita alla baia di Lalzi (gjiri i Lalzit in albanese), dove di recente sono state costruite villette, appartamenti, resort e hotel. Tra le spiagge della costa nord non si può non menzionare quella di Durazzo, lunghissima, sabbiosa e completamente attrezzata con lettini e ombrelloni, con gli hotel lungomare che si susseguono uno dopo l’altro.

Al contrario, la costa sud dell’Albania si trasforma completamente, le lunghe spiagge di spiaggia lasciano il posto a piccole spiagge di ciottoli o direttamente agli scogli, e il mare assume tonalità di blu e azzurro che non hanno niente da invidiare alle più rinomate località della Grecia. Consigliamo le piccole spiagge che si trovano percorrendo la costa da Valona a Orikum, la bella spiaggia di Dhermiu che si raggiunge attraversando il passo Llogora, e la zona attorno a Saranda, dove la vera star è la spiaggia di Ksamil, con il suo mare da cartolina e i suoi isolotti. Purtroppo è decisamente sovraffollata d’agosto: visitatela in un altro periodo dell’anno.

Monti dell’Albania

Le Alpi albanesi sono tra le montagne più incontaminate d’Europa. E’ un territorio che fino a solo pochi anni fa era praticamente sconosciuto ai turisti, e i suoi abitanti vivevano quasi completamente isolati in villaggi semplici e remoti. Ma il fascino di questa zona del paese ha varcato velocemente i suoi confini, e piano piano sta diventando sempre più conosciuta, specialmente tra i viaggiatori dell’Europa del nord. I due villaggi più famosi sono Theth e Valbona, che in linea d’aria si trovano a non più di 5 km di distanza, ma che per andare da uno all’altro usando l’auto occorre viaggiare per più di 6 ore!

Theth e Valbona sono collegate anche da un entusiasmante sentiero alpinistico, percorribile a piedi anche da escursionisti non esperti in circa 5 ore. Le due località, separate dal monte Maja e Jezercës, sono sufficientemente sviluppate dal punto di vista turistico: molte case si sono riconvertite in guest house e sono sorti anche alcuni hotel. Ci sono dei ristoranti dove pranzare e cenare, ma scordatevi la vita notturna!

Uno dei modi più entusiasmanti per visitare le Alpi albanesi è quello di partire dalla bella città di Scutari, quindi raggiungere Theth con i fuoristrada delle agenzie turistiche del posto. Da qui si arriva a Valbona a piedi, quindi a Fierze coi mezzi pubblici, e si torna a Scutari percorrendo in barca il lago Koman, con i traghetti che fanno la sponda tra il molo di Fierze e quello di Koman. Da lì, si torna a Scutari completando un percorso circolare usando i mezzi pubblici, organizzando un transfer privato o semplicemente chiedendo un passaggio.

Dove dormire in Albania

L’Albania vi offre un’ampia varietà di opzioni di alloggio per il vostro viaggio nel paese. A Tirana troverete una vasta scelta di hotel di lusso, appartamenti moderni e affittacamere economiche, adatti a tutti i budget. Saranda, la popolare destinazione balneare, vanta una vasta gamma di alberghi e resort sulla spiaggia, che offrono servizi completi e viste mozzafiato sul mare. Berat vi offre la possibilità di alloggiare in case tradizionali ristrutturate, con camere confortevoli e autentiche atmosfere albanesi. A Valona, inoltre, potrete trovare alberghi e appartamenti con vista sul mare, perfetti per rilassarsi e godersi il clima mediterraneo. Scegliendo un alloggio in queste città sarete sicuri di trovare comfort e ospitalità durante il vostro soggiorno in Albania.

Cerca
Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel consigliati a Albania

Ostello
Elbasan Backpacker Hostel
Elbasan - Rruga Sul Domi AZ6668Misure sanitarie extra
9.2Eccellente 271 recensioni
Prenota ora
Hotel
Univers Resort
Elbasan - L. Emin Matraxhiu, n/h/nMisure sanitarie extra
7.7Buono 186 recensioni
Prenota ora
Appartamento
Best Apartments
Elbasan - Rruga Selim Zyma
7.8Buono 6 recensioni
Prenota ora
Vedi tutti gli alloggi

Prefisso telefonico

Il prefisso internazionale dell’Albania è +355, pertanto per chiamare un numero albanese dall’Italia occorre comporre il numero 00355 seguito dal numero della persona che si intende chiamare.

Per telefonare in Italia dall’Albania è necessario usare invece il prefisso italiano 0039. Chiamando un telefono fisso, non dovrete comporre lo 0 del prefisso.

Bandiera dell’Albania

La bandiera dell’Albania raffigura l’aquila bicefala in nero, su sfondo rosso. Rosso e nero sono anche i colori nazionali del paese, in quanto gli abitanti sono molto legati alla loro bandiera. L’aquila bicefala è un simbolo dell’impero romano d’Oriente e poi di quello bizantino, con una testa che guarda a ovest, verso Roma, e l’altra a est, verso Costantinopoli.

L’aquila della bandiera albanese dà anche il nome al paese, in quanto in albanese l’Albania si chiama Shqiperia (letteralmente: terra delle aquile).

Moneta

La moneta albanese è il Lek, avente codice ALL, che viene scambiato ad un tasso di cambio oscillante tra 120 e 140 lek per un euro. Gli uffici di cambio sono praticamente ovunque, e stranamente, è vantaggioso anche cambiare all’aeroporto di Tirana.

Attenzione: negli anni ’60 del secolo scorso venne introdotto il “nuovo lek”, equivalente a 10 dei “vecchi lek” usati in precedenza. Incredibile ma vero, ancora oggi gli albanesi sono soliti calcolare i prezzi usando il “vecchio lek”, e pertanto non stupitevi se vi viene detto che un caffè costa 1000 lek (8 euro), in realtà ne dovete pagare soltanto 100, ossia 80 centesimi! Va detto però che nella capitale Tirana questa usanza è ormai passata, ma nel resto del paese è abbondantemente rimasta. In definitiva, se fuori da Tirana vi viene detto che qualcosa costa 1000 lek, dovrete tirare fuori una moneta da 100, e non una banconota da 1000.

Dove si trova Albania

La Repubblica di Albania si trova affacciata sul mar Adriatico e Ionio, di fronte alla Puglia, e condivide con la Grecia l'intero confine sud-est.

Alloggi Albania
Cerchi un alloggio in zona Albania?
Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Albania
Verifica disponibilità

Approfondimenti

Tirana

Tirana

Lasciatasi alle spalle gli anni bui della dittatura, Tirana è risorta e oggi è una città viva e dinamica, che vuole competere con le altre capitali europee.
Saranda

Saranda

Ultima città dell'Albania prima del confine con la Grecia, Saranda si trova proprio davanti a Corfù, ed è da sempre la meta top per le vacanze degli albanesi.
Valona

Valona

Secondo porto del paese e città marinara per eccellenza, Valona è una vera e propria scoperta, ed è la base ideale per esplorare il sud dell'Albania.
Berat

Berat

Berat è una cittadina affascinante e ricca di storia che ha custodito negli anni un centro cittadino di origini antiche dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.