Creta

I turisti italiani possono viaggiare liberamente in Grecia senza dover rispettare quarantena e senza dover sottostare a restrizioni di viaggio. Per entrare in Grecia è indispensabile compilare questo modulo online almeno 48 ore prima.
All'arrivo verranno effettuati dei controlli a campione. Se il vostro volo/traghetto sarà scelto per il test, tutti i passeggeri saranno sottoposti all'esame del tampone. Immediatamente dopo aver eseguito il tampone, i passeggeri potranno raggiungere liberamente la loro destinazione. Solo nel caso in cui il test risultasse positivo, il singolo passeggero verrà messo in quarantena per 14 giorni, a spese dello Stato greco.
Per ulteriori informazioni e aggiornamenti vi consigliamo di consultare il sito dell'Ambasciata Greca e il sito Re-Open a cura dell'Unione Europea.

Palazzo di Cnosso

Il palazzo di Cnosso si trova a 6 km dalla città di Heraklion ed è un sito dove è possibile ammirare un maestoso capolavoro eretto dalla civiltà minoica nel 1700 a.C.

Centro politico, economico e religioso, il Palazzo di Cnosso (o Knossos) è stato costruito attorno al 1700 a.C. e attualmente si trova a circa 6 km dal centro di Heraklion, la capitale di Creta. Culla della civiltà minoica, Cnosso era una cittadina che, circondata dal fiume Kairatos, sorgeva in posizione strategica sulla collina di Kefala ma non era troppo lontana dal mare e dal porto di Heraklion.

Questo enorme sito sorgeva su un’area di circa 22.000 m² ed era formato da un cortile centrale, dove si esibivano i ginnasti, attorno al quale era stato costruito un enorme complesso che comprendeva gli alloggi reali e del personale, le sale dei funzionari amministrativi, le aree adibite al culto e ai ricevimenti e le botteghe di diversi artigiani.

Oggi è possibile passeggiare tra le rovine di questa piccola cittadella costruita dal popolo minoico, una delle più interessanti civiltà antiche, e ammirare i capolavori che questo era riuscito a realizzare all’epoca.

Storia del Palazzo di Cnosso

Il Palazzo di Cnosso che tutti noi oggi possiamo osservare è il risultato di opere di ricostruzione e di restauro di un complesso realizzato dalla civiltà minoica circa duemila anni prima di Cristo. Quello che compare davanti ai nostri occhi in realtà è un vero e proprio capolavoro: costruito sulle ceneri di un precedente palazzo, distrutto da un terremoto intorno al 1700 a.C., l’attuale Cnosso si narra sia il luogo dove è vissuto il leggendario Re Minosse e si dice ospitasse più di 12.000 persone.

Questo magnifico sito archeologico, edificato negli anni in cui la civiltà minoica era nel suo massimo splendore, fu poi colpito da un altro terremoto e in parte distrutto. Le prime scoperte di questi resti furono fatte a fine Ottocento da Minos Kalokairinos, un antiquario di Heraklion, ma poi fu l’archeologo inglese Sir Arthur Evans a dirigere i lavori di restauro, riproponendo una ricostruzione del complesso che alcuni definiscono troppo arbitraria e poco fedele all’originale.

La leggenda del Minotauro

Oggigiorno Cnosso è famoso anche per le storie e le leggende che lo collegano a personaggi come Dedalo, Icaro, e il famoso Minotauro. Secondo la mitologia greca il Re Minosse chiese a Dedalo di costruire un intricato labirinto in cui rinchiudere il Minotauro un essere feroce, con il corpo di un uomo e la testa di un toro.

Il dio Poseidone, infatti, aveva donato al Re Minosse un bellissimo toro bianco chiedendogli di sacrificarlo, il re, però, vista la bellezza di questo toro decise di tenerselo e di sacrificarne un altro. Poseidone, scoperto l’accaduto, per punirlo fece innamorare follemente la moglie del Re, Pasifae, del toro e dalla loro unione nacque il Minotauro.

Essendo un essere feroce e crudele, il Minotauro fu rinchiuso in un labirinto e fu deciso di inviargli sette ragazze e sette ragazzi in sacrificio. Teseo era uno di quei sette giovani arrivato a Creta per entrare nel labirinto come vittima sacrificale, il ragazzo, però, grazie all’aiuto di Arianna, figlia di Minosse, entrò nel labirinto srotolando dietro di sé il celebre “filo di Arianna”. Quando Teseo giunse dinnanzi al Minotauro lo uccise con la spada e poi riuscì ad uscire dal labirinto seguendo il filo che aveva srotolato.

Oggi camminando tra le rovine del sito archeologico, dove forse un tempo sono avvenute queste storie leggendarie, possiamo ammirare il fascino e la potenza di questa civiltà e di quello che ha saputo costruire migliaia di anni fa.

Cosa vedere al Palazzo di Cnosso

Il sito di Cnosso porta alla luce il patrimonio architettonico e artistico di questa civiltà che si può ammirare non solo nella maestosità e nella grandiosità di questa piccola cittadella, ma anche nella decorazione delle stanze e negli oggetti che sono stati rinvenuti in prossimità della zona.

Non sono state rinvenute tracce di mura costruite a protezione del Palazzo di Cnosso e la struttura del sito sembra fosse davvero intricata e difficile da ricostruire nella sua totalità. Nella zona più orientale si trovano le stanze reali e le botteghe artigiane, mentre nella parte più occidentale si trova il Piccolo Palazzo, la Casa degli Affreschi con pareti finemente decorate e la Villa di Dioniso, una residenza privata adornata con mosaici di grande prestigio.

Da non perdere la visita a due importanti aree: la Sala del Trono e gli appartamenti della regina. La Sala del Trono si presenta di colore rosso acceso e qui sono stati rinvenuti resti di un trono in gesso alabastrino, mentre nella zona del Megaron della regina sono stati scoperti meravigliosi affreschi, come quello dei “delfini” e quello della “danzatrice”.

Gli appartamenti della regina, inoltre, erano caratterizzati dalla presenza di un bagno davvero all’avanguardia per l’epoca, che vedeva la presenza di un avanzato sistema di fognature e di scarichi ma anche di grandi cisterne che permettevano di avere sempre acqua potabile e calda.

Attualmente gli affreschi che si possono ammirare a Cnosso sono delle fedeli riproduzioni e gli originali di questi capolavori dell’arte minoica sono ora conservati al Museo Archeologico di Heraklion.

Orari e biglietti per il Palazzo di Cnosso

Il Palazzo di Cnosso è aperto tutti i giorni dalle 08:30 alle 17:00, ultimo orario utile di ingresso alle 16:30. Chiuso nei seguenti giorni: 1 Gennaio, 25 Marzo, 1 Maggio, Domenica di Pasqua, 25 e 26 Dicembre.

È possibile acquistare il biglietto d’ingresso online e risparmiare le code alle biglietterie, letteralmente prese d’assalto durante il periodo estivo; sono previsti biglietti scontati.

Come raggiungere il Palazzo di Cnosso

La zona del sito archeologico di Cnosso dista circa 6 km (15 minuti) dalla città di Heraklion ed è quindi facilmente raggiungibile sia in auto sia prendendo l’autobus che parte sempre dal centro della città.

In alternativa se si è in più persone, data la vicinanza del sito a Heraklion, è possibile valutare anche l’utilizzo di un taxi.

Foto del Palazzo di Cnosso

Informazioni utili

Indirizzo

Φειδίου 8, Iraklio 714 09, Grecia

Contatti

TEL: +30 281 023 1940
Sito ufficiale

Dove si trova

Il Palazzo di Cnosso si trova 6 km da Heraklion, città principale dell’isola di Creta che ospita anche l’aeroporto internazionale, 38 km da Malia e 80 km da Rethymno.

Alloggi Palazzo di Cnosso
Cerchi un alloggio in zona Palazzo di Cnosso?
Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Palazzo di Cnosso
Mostrami i prezzi