Covid-19: dal 14 maggio la Grecia riapre ai turisti

Covid-19, si può viaggiare in Grecia?

Scopri se in questo momento è possibile visitare la Grecia, le novità sulle restrizioni di viaggio, le regole sulla quarantena e i requisiti di ingresso.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Attualmente l’intero territorio greco è in lockdown, tuttavia la vice ministra del Turismo, Sofia Zacharaki ha annunciato la data della riapertura al turismo in Grecia dal prossimo 14 maggio. Il paese è pronto dunque a riaprire le porte ai turisti italiani. Da quel giorno non sarà più richiesta la quarantena, anche se servirà un certificato vaccinale o un test molecolare negativo.

Ultime notizie sulla Grecia

Covid-19 e viaggi in Grecia, aggiornamenti e situazione attuale

Il lockdown, introdotto su tutto il territorio nazionale dal 7 novembre 2020, è stato prorogato fino a data da destinarsi.
In tutto il Paese è obbligatorio l'uso della mascherina in tutti gli spazi all’aperto e al chiuso.

Per poter circolare è necessario inviare un SMS al numero gratuito 13033 (funzionante solo per i numeri greci) o avere con sé un’autodichiarazione giustificativa (maggiori dettagli sul sito dell’Ambasciata d’Italia ad Atene).

Per l’intera durata del lockdown viene limitata la possibilità di effettuare spostamenti all’interno del Paese.

È possibile spostarsi tra diverse unità regionali solo in caso di emergenza (rientro presso il luogo di residenza principale, ricongiungimento familiare, motivi professionali e motivi di salute), da comprovare con documenti giustificativi ufficiali.
A seconda dell'indice di contagio nelle singole Regioni, vengono applicate misure di prevenzione variabili: è disponibile, a cura delle Autorità elleniche, una mappa interattiva (in greco) che distingue il livello di rischio delle varie zone ed elenca le relative misure.
A partire dal 19 aprile viene rimosso l’obbligo di isolamento fiduciario di sette giorni, precedentemente in vigore, per i passeggeri che risiedono nei Paesi UE, nell'area Schengen, Regno Unito, USA, Emirati Arabi Uniti, Serbia e Israele purché, al momento dell’ingresso in Grecia, siano in possesso di un test molecolare negativo (in inglese), effettuato nelle 72 ore precedenti all’arrivo, o - in alternativa - di un certificato di vaccinazione (purché siano decorsi almeno 14 giorni dal completamento della vaccinazione).

Per gli altri passeggeri continua a essere previsto, fino a data da destinarsi, l’obbligo di rispettare un periodo di autoisolamento fiduciario di sette giorni (o, in caso di permanenza per periodi inferiori, per tutto il periodo di permanenza).
Rimane invece in vigore per tutti i passeggeri in arrivo la possibilità di essere sottoposti, a campione, a un test rapido effettuato all'arrivo in Grecia.

Il test a campione, qualora si venga selezionati, è obbligatorio: le Autorità greche si riservano il diritto di rifiutare l’ingresso nel Paese a coloro i quali si rifiutino di sottoporsi al test rapido.

In caso di positività al test rapido è previsto un periodo di isolamento obbligatorio di 14 giorni per i viaggiatori risultati positivi e per i loro contatti prossimi in appositi “hotel quarantena” (le spese di alloggio sono coperte dallo Stato greco), dove verranno effettuati nuovi test per verificare la diagnosi iniziale.

Maggiori informazioni sulle misure previste per l’ingresso in Grecia a partire dal 19 aprile sono disponibili sul seguente sito, a cura della Protezione Civile greca: https://travel.gov.gr/#/
Per poter accedere nel Paese rimane inoltre condizione indispensabile - indipendentemente dalla nazionalità e dal metodo di ingresso nel paese - la compilazione – al più tardi il giorno prima dell’arrivo in Grecia - di un modulo online su questo sito (non accessibile con Internet Explorer), il Passenger Locator Form (PLF), con il quale i viaggiatori devono fornire informazioni sul luogo di provenienza, sulla durata dei soggiorni precedenti in altri paesi e sull'indirizzo del proprio soggiorno in Grecia.

In caso di ingresso nel Paese senza PLF è prevista una sanzione amministrativa di 500 €.

Per le violazioni della normativa anticovid è comminata, fatte salve le sanzioni penali previste, una sanzione amministrativa di 5.000€.
Si precisa che la pagina travel.gov.gr è gestita dalle Autorità greche e non dall’Ambasciata d’Italia ad Atene.

Per quesiti legati al funzionamento del sito e/o dubbi sull’ingresso nel Paese connessi alla compilazione del PLF è possibile contattare il numero di assistenza indicato dalle Autorità greche: 00302155605151.
In caso di comparsa di sintomi riconducibili al Covid-19, è necessario fare immediatamente riferimento a un medico o all’Ente Nazionale Ellenico della Salute (EODY)
Per quesiti sull’evoluzione della situazione coronavirus in Grecia, sul settore turistico o comunque riguardanti la possibilità di recarsi in Grecia è possibile l’approfondimento Coronavirus COVID-19.

Focus Grecia pubblicato sul sito dell’Ambasciata d’Italia ad Atene.

Ultimo aggiornamento: 12.05.2021 - informazioni tratte dal sito ufficiale del Ministero degli Esteri.

Data la situazione straordinaria causata dall'emergenza Coronavirus, le indicazioni e i requisiti per viaggiare possono cambiare spesso e con breve preavviso, consigliamo pertanto di monitorare gli aggiornamenti sul sito della Farnesina ViaggiareSicuri o sul sito della comunità Europea Re-Open, oltre che sui siti ufficiali della Grecia prima di intraprendere un viaggio.

Situazione sanitaria in Grecia

Strutture sanitarie in Grecia

Le strutture sanitarie pubbliche sono mediamente affollate e, soprattutto nel periodo estivo, può diventare difficile ricevere l’assistenza necessaria in modo tempestivo. L’assistenza sanitaria nel Paese è, in generale, più che discreta. Tuttavia, va debitamente tenuto in considerazione, al momento della partenza, che in diverse località turistiche, in particolare le isole, non sono presenti strutture sanitarie in grado di trattare i casi più gravi, per i quali possono mancare attrezzature e medici specializzati. Si raccomanda pertanto di sottoscrivere un’assicurazione di viaggio prima della partenza (si legga con particolare attenzione la successiva sezione  "Avvertenze”).

Si segnala inoltre che negli ospedali pubblici i servizi di pronto soccorso sono disponibili sulla base di un sistema di turnazione, che può talvolta risultare insufficiente nel periodo estivo. 

L’elenco delle turnazioni degli ospedali puo’ essere consultato a questa pagina (in greco). 

Il personale medico in genere conosce le lingue straniere (inglese e talvolta l’italiano). Le farmacie sono numerose, ma anch'esse operano con un sistema di turnazione (la maggior parte sono chiuse il lunedì e il mercoledì pomeriggio, il sabato e la domenica tutto il giorno anche d’estate). Non sussistono particolari difficoltà nel reperire farmaci.

Avvertenze

I cittadini italiani che si trovano temporaneamente in Grecia (per esempio per turismo o brevi trasferte lavorative) possono fruire dell'assistenza sanitaria diretta presentando la Tessera Europea di Assicurazione Malattia - TEAM. Il possesso della tessera TEAM consente l'accesso alle strutture sanitarie pubbliche locali. Si ricorda tuttavia che in diverse località turistiche, in particolare nelle isole, non sono presenti strutture sanitarie in grado di trattare i casi più gravi, per i quali possono mancare attrezzature e medici specializzati. Si precisa che la TEAM non è un'alternativa all'assicurazione di viaggio.

Si raccomanda pertanto di sottoscrivere un'assicurazione sanitaria, con adeguato massimale, tale da coprire non solo le spese per eventuali cure mediche e terapie effettuate presso strutture ospedaliere e sanitarie locali, ma anche l'eventuale trasferimento aereo in un altro Paese o il rimpatrio del malato, nei casi più gravi anche per mezzo di aeroambulanza (i cui costi, a carico dei connazionali interessati, possono essere particolarmente elevati in caso di mancata copertura assicurativa).

In caso di viaggi turistici organizzati, infine, si suggerisce di controllare attentamente il contenuto delle assicurazioni sanitarie comprese nei pacchetti di viaggio e, in assenza di garanzie adeguate, si consiglia di stipulare polizze assicurative sanitarie individuali. Per maggiori informazioni sull'assistenza sanitaria in Grecia è possibile consultare questa pagina sul sito dell'Ambasciata d'Italia ad Atene.

 

Vaccinazioni obbligatorie in Grecia

Nessuna

Assicurazione di viaggio per la Grecia

A causa dei contrattempi che potrebbero sorgere per via del Coronavirus l'assicurazione di viaggio è oggi più importante che mai, anche per viaggiare in Grecia.
Fino a qualche tempo fa infatti l'assicurazione sanitaria era stipulata soprattutto da chi viaggiava fuori dall'Europa, ma oggi è imprescindibile: basti pensare a un volo perso causa tampone positivo o al rischio di ammalarsi in viaggio.

Se non disponete già di una polizza assicurativa, assicuratevi di farlo prima di prenotare un qualsiasi viaggio e prestate attenzione alle condizioni. Per aiutarvi nella scelta abbiamo creato una pagina dedicata che confronta le più importanti assicurazioni di viaggio.

Come viaggiare sicuri in Grecia

Igiene

Lavate spesso le mani con acqua e sapone o in alternativa con gel disinfettante.
Quando tossite o starnutite coprire la bocca e il naso con fazzoletti monouso o, se sprovvisti, fatelo nell'avambraccio. Evitate di toccare occhi, naso e bocca con mani non igienizzate.

Distanza

Mantenete sempre una distanza di almeno 1,5 metri con le persone non conviventi ed evitate gli assembramenti.

Mascherina

Usate sempre la mascherina sui mezzi pubblici e in luoghi al chiuso, anche quando la distanza è superiore a 1,5 metri.

Biglietti online

Utilizzare il più possibile i biglietti elettronici sia sui mezzi di trasporto che quando visitate un'attrazione. Prenotare online i biglietti spesso vi consente oltretutto di risparmiare.

Siti ufficiali istituzioni italiane