Cosa vedere a Samos

Samos è un’isola bellissima. Da non perdere la città di Vathi, il capoluogo centro della vita notturna, Pythagorion e il sito archeologico di Ireo.

Samos è una bellissima isola con numerose cose da vedere.

Sono molte le spiagge nascoste, gli importanti siti archeologici, le piccole cappelle, i boschi e gli splendidi sentieri chesi trovano su Samos.

Il modo migliore per andare alla scoperta dell’isola, cosa che vi consigliamo vivamente vista la sua straordinarietà, è noleggiare un’auto e seguire le belle strade panoramiche che attraversano villaggi costieri e borghi tradizionali.

Da non perdere la città di Vathi, il capoluogo dell’isola, molto bella e centro della vita notturna di Samos, Pythagorion e il sito archeologico di Ireo, solo per citarne alcuni.

Vathi

Samos Vathy
Il villaggio di Vathy, capoluogo dell’isola

Vathi o Samos città è la capitale dell’isola. Costruita ad anfiteatro all’interno di uno stretto golfo si affaccia lungo la costa settentrionale nella parte orientale di Samos.

Vathi è un attivissimo porto turistico molto frequentato anche per la presenza di numerosi negozi sul vicino lungomare dove si trova la via principale dello shopping del capoluogo dell’isola.

Da visitare il quartiere vecchio di Vathi che si trova nella parte alta, detto Ano Vathi, caratterizzato dalla presenza di numerosi vicoli e dell’importante Museo Archeologico.

Vathi è uno dei tre principali porti dell’isola ed è una miscela di vecchi e nuovi edifici. Il porto si trova nel lato orientale della baia e dà il nome alla città.

Limin Vatheos o Kato Vathi è il luogo più vivace dell’isola, soprattutto durante la stagione turistica.

Vathy ha anche due spiagge di ghiaia.

Molto belli la storica chiesa di Agios Spyridon, l’edificio che ospitava il Parlamento, il Municipio e il Museo Bizantino. La città è meta preferita dai turisti anche per i prezzi più bassi rispetto alle altre località dell’isola.

Da non perdere

  • Museo archeologico
    Si trova nei due edifici dietro il giardino municipale. Oltre che esaustive guide, il Museo offre ai turisti importanti opere dell’antichità. Nella parte nuova del Museo c’è il famoso Giovinetto marmoreo di Kouros, alto ben 4 metri e 75 centimetri e altre statue emerse nel sito di Heraion (Pythagorion), come la Koré, gemella del pezzo in mostra al Louvre. Nel vecchio edificio è custodita una collezione di rari calderoni e figurine in avorio di Perseo e Minerva.
  • Ano Vathi
    Si arriva all’antico villaggio a piedi, salendo dalla strada del porto. Lo storico nucleo ha conservato la caratteristica di piccolo borgo e oggi tra i suoi numerosi vicoli stretti e accoglienti case ci si può tranquillamente sedere in un caffè e rivivere il tempo passato.

Nei dintorni

  • Monastero di Zoodohos Pigi
    Il monastero è aperto tutti i giorni, tranne il venerdì. La strada che parte da Samos si affaccia su spettacolari baie dal mare color smeraldo e sulla vicina Turchia.
  • Le spiagge
    In direzione di Pythagorion si trovano le grandi spiagge di Kerveli, Posidonio e Klima (sassosa), tre lidi incantevoli, poco frequentati e tutti da scoprire. A Klima la taverna Kandouna prepara pesce fresco nella magnifica terrazza sopra gli scogli.
  • Psili Ammos – Mykali
    Questa spiaggia di sabbia fine e molto ombreggiata si trova a sud. La presenza di strutture alberghiere rende questa località molto frequentata e vivace durante il periodo estivo.

Karlovasi

Samos Karlovasi

Karlovasi è la seconda città per importanza di Samos e si trova a 32 chilometri da Vathi nella parte nord occidentale dell’isola.

Karlovasi si compone di 5 quartieri: il borgo vecchio, Karlovasi media, il centro, l’area è ornata con edifici neoclassici del 19° secolo e palazzi eleganti che testimoniano il suo glorioso passato, il porto (Limani) e infine la baia, Ormos, caratterizzata da antichi edifici in pietra da taglio, un tempo sede di antiche concerie.

Numerose le chiese della città, la più importante è Agia Triada, che sorge in cima alla collina che domina l’insediamento, ma degna di nota è anche la chiesa di Agios Nikolaos, e significative le rovine del castello bizantino. Karlovasi si trova in una delle zone più fertili di Samos.

Karlovasi ha molte strutture turistiche di qualità e infrastrutture per i visitatori. A quattro chilometri a ovest di Karlovasi si trova Potami, una delle più belle spiagge di Samos.

Numerosi eventi culturali si svolgono in città durante tutto l’anno tra cui segnaliamo tre feste religiose: le feste di Profetes Ilias, il 20 luglio, in occasione della festa per la Trasfigurazione di Gesù Cristo, il 6 agosto e il 15 agosto in onore dell’Assunzione della Vergine Maria.

La città è il punto da cui partono le escursioni per la vicina e grande area naturale protetta.

Da non perdere

  • Vicino al porto, ingresso libero con possibilità di scoprire i numerosi vini Moscati prodotti sull’isola nella sala degustazione.
  • Museo delle Arti e Tradizioni popolari
    Si trova in una piazza vicino al Municipio, in centro. Il museo custodisce importanti collezioni del periodo in cui l’isola era sotto il dominio turco. Ingresso gratuito.
  • Piccola Parigi
    È un piccolo quartiere vicino al porto e molto caratteristico. Se si raggiunge la chiesa della S. Trinità (che da il nome al quartiere) è possibile ammirare un suggestivo panorama.
  • Cascate di Potami
    A mezz’ora dal porto c’è la spiaggetta di Potami. Risalendo il sentiero che porta alla chiesa della Metamorfosi, la più antica dell’isola, e costeggiando il corso d’acqua si scoprono le suggestive cascate.
  • Megalo Seitani e Mikro
    Vicino Potami ci sono queste due stupende spiagge raggiungibili solamente a piedi o per mare dove si incontrano le foche mediterranee monachus monachus.

Kokari

Samos Kokkari
Il villaggio di Kokkari di notte

Kokari o Kokkari si trova a circa 10 chilometri da Vathi, lungo la costa settentrionale di Samos.

Questo ex villaggio di pescatori molto pittoresco e accogliente composto da casette bianche ora si è trasformato nel terzo centro turistico dell’isola. Fortunatamente il centro mantiene ancora il suo fascino grazie alla presenza dei vicoli stretti e del caratteristico lungomare cicladico.

Costruita tra due piccoli e meravigliosi promontori che la proteggono dal Meltemi, sulle pianure del monte Karvounis, Kokari ha diversi piccoli bar, caffè e taverne tradizionali gestiti da persone gentili e accoglienti.

Popolare tra i surfisti, si possono prendere lezioni alla scuola di windsurf, il villaggio unisce mare e montagna.

Le vicine spiagge di Lemonakia, Tsamadou e Tsambou, sono tra le più belle di Samos mentre le lussureggianti colline e i vicini villaggi di montagna sono i luoghi ideali per le escursioni e dove ammirare una straordinaria vista sul Mar Egeo.

Da non perdere

  • Le spiagge
    Lemonakia, Tsambou e Avlakia: stupende spiagge dai ciottoli piatti e variopinti. Presenti numerosi stabilimenti e taverne.
  • Valle degli Usignoli
    Prima di arrivare a Agios Konstandinos vale la pena immergersi tra la natura di questa valle, ricca di frutti, acqua sorgiva e dolci note emesse dagli usignoli.
  • Manolates
    È un borgo arroccato, dai vicoli bianchi e ripidi, dal quale ammirare un paesaggio unico ed emozionante, soprattutto dalla terrazza della taverna Loukas.
  • Agios Konstandinos
    E’ uno dei paesi più vivi dell’isola, sul suo porto ci sono numerosi ristoranti e taverne. Agios Konstandinos si trova a 10 chilometri da Kokari.
  • Vourliotes
    Il paese di Vourliotes si trova su un versante del monte Karvounis e si raggiunge attraverso una strada molto panoramica che lambisce anche la sorgente Pnaka. Nella caratteristica piazzetta si trovano 4 taverne e antiche case in stile ellenico. Fermarsi qui, sopratutto la sera, è molto piacevole e rilassante.

Ormos Marathokambos

Samos Marathokampos

Ormos Marathokambos è un piccolo paese di pescatori che si trova lungo la costa sudoccidentale di Samos, ai piedi della montagna Kerkis, a 40 chilometri da Vathi e 30 chilometri dall’aeroporto dell’isola.

il villaggio di Ormos Marathokambos ha un porto e una grande spiaggia sassosa, molto tranquilla, dove si trovano ristoranti di pesce fresco e diversi locali notturni dove divertirsi.

Nelle vicinanze del borgo andando verso l’interno dell’isola di Samos si trova Marathokambos, un grande villaggio agricolo circondato da mulini a vento, mentre verso ovest si trovano Votsalakia e Kambos, due paesi molto vicini tra loro con relative spiagge di sabbia, collegate anche con Karlovasi tramite pullman.

Lontana dalla folla dei turisti, questa parte dell’isola racconta la Grecia originale ed è ricca di villaggi tradizionali nascosti nel bosco e siti storici e archeologici.

A Ormos Marathokambos il lungomare diventa pedonale dopo l’ora di pranzo così il visitatore può ammirare il pittoresco panorama, l’ambiente naturale e il villaggio autentico nel modo più rilassato possibile.

Se scegliete questo borgo per il vostro soggiorno sappiate che gli hotel, gli appartamenti in affitto e le case vacanze offrono prezzi molto convenienti.

Oltre alla spiaggia del paese a breve distanza si trovano molte spiagge famose come Velanidia, Votsalakia, Psili Ammos, Limionas.

Da Ormos Marathokambos vi potete imbarcare per la piccola e bellissima isola di Samiopoula, ideale per escursioni di un giorno.

Da non perdere

  • Baia di Pefko
    Tra Ormos Marathokambos, Koumeika e Skoureika ci sono numerosi sentieri tutti da scoprire, magari in moto o in jeep, che arrivano in caletta praticamente deserte. Si segnala in particolar modo la baia di Pefko.
  • Grotta di Pitagora
    Il matematico Pitagora, perseguito dal tiranno Policrate, si rifugiò qui prima di andare in esilio. Si trova a 5 chilometri da Marathokombos, ma è ben nascosta e difficile da trovare. Seguite la strada che porta alla chiesa dedicata alla Madonna dei Quaranta Scalini.
  • Escursione a Kalithea e Drakei
    Verso ovest, dopo la spiaggia Psili Ammos, si va alla scoperta degli angoli più remoti e incontaminati dell’isola. Salendo per sentieri ripidi dai quali ammirare un paesaggio unico e incantevole, soprattutto al tramonto, si riscende nelle vicinanze di Paleochori, dove ci sono delle calette deserte davvero stupende. Andando verso Nord si raggiunge Kalithea, un villaggio vicino una foresta dove è sita la grotta con chiesetta della Panagia Makrini, la Vergine Lontana. La strada principale che attraversa la foresta arriva fino a Drakei, un piccolo centro con 4 taverne dove ristorarsi a 18 chilometri da Psili Ammos.

Pythagorion

Samos Pythagorion
Il villaggio di Pythagorio

La cittadina di Pythagorion si trova in una pianura lungo la costa meridionale dell’isola di Samos e si affaccia nella parte orientale del golfo di Tigani da cui nel passato prendeva il nome. Dal 1955 il borgo ha preso il nome del matematico Pitagora, nato nella vicina Vathi, la cui statua svetta di fronte al porto.

Pythagorion, oltre che importante centro turistico balneare, è anche un interessante sito archeologico poiché costruito sui resti della città vecchia risalente ai tempi di Policrate.

Pythagorion si trova vicino all’aeroporto ed è la principale località turistica di Samos. Ricca di strutture, la città ha un pittoresco porto, il primo artificiale ad essere costruito nel Mediterraneo, dove attraccano lussuosi yacht e numerose imbarcazioni che raggiungono le vicine isole di Samiopoula, Agathonissi e Patmos, la città di Efeso nella Turchia continentale, o esplorano la costa di Samos raggiungendo le spiagge di Tsopela, Kako Rema, Kiriakou e Asproskavos.

Il centro commerciale della città è Odos Lykourgou Logothti, la via che arriva al porto, ma anche nella zona interna del villaggio si trovano moltissimi ristoranti, taverne, caffetterie, club e alberghi.

Tra le pittoresche stradine del Pythagorion troviamo edifici neoclassici unici, le rovine dell’antica Samos, la piazza con il municipio e i musei che custodiscono la collezione archeologica della città.

Sono diversi i siti archeologici da visitare nella zona, tra cui antiche statue greche e romane, opere di Aiakes, padre di Policrate, Traiano e di altri famosi artisti del tempo, e l’Acquedotto di Eupalino, il Castello di Likourgos, le terme,  il tempio di Afrodite e il tempio di Hera.

Da non perdere

  • Chiesa della Trasfigurazione del Salvatore e Castello di Likourgos
    Si trova sulla vicina collina, la chiesa è sempre visitabile, mentre del castello si può apprezzare solamente la costruzione esterna. Vicino c’è anche un sito archeologico di una basilica paleocristiana. In questi luoghi si commemorano diverse feste popolari.
  • Collezione archeologica
    Si trova in pieno centro, in platia Irinis e conserva sculture del periodo imperiale romano. Ingresso gratuito.

Nelle vicinanze

  • Tunnel di Efpalinos
    Si trova a 1 chilometro da Pythagorion, risale all’epoca del tiranno Policrate ed è una delle prime opere idrauliche realizzate dall’uomo. È un acquedotto sotterraneo e si estende per 1 chilometro e 300 metri, ma non è interamente percorribile. Vicino ci sono anche un antico teatro e la cappella della Panagia Spiliani.
  • Heraion
    Santuario dedicato alla dea Era e scoperto dal francese Joseph Pitton de Tournefort nel 1702. I resti che rimangono riescono solo a far immaginare la grandezza del tempio, considerato il più importante costruito in onore della dea. Si trova a 6 chilometri a Ovest di Pythagorion, dopo l’aeroporto. Ben collegato anche Vathì.
  • Museo del Folclore
    Interessante esposizione dedicata ai costumi, alle tradizioni e agli antichi mestieri locali. Ha sede presso l’albergo Doryssa Bay, vicino Pythagorion e il lago Glifada.
  • Museo paleontologico di Mitilini
    Collezione di minerali, reperti e fossili databili tra 3,5 e 7 milioni di anni fa. In un remoto passato Samos era abitata dal macairodonte. Il museo si trova a pochi chilometri da Hora, sulla strada per Vathi.

Ireo

Samos Hereon
Il sito archeologico di Ireo

Il sito archeologico più importante di Samos, e uno dei santuari più importanti dell’antica Grecia, è Ireo, a 3 chilometri dal villaggio di Pythagorion e a 7 chilometri dalla città di Vathi.

Ireo si distingue per il glorioso Tempio di Hera, il più grande tempio di tempi antichi dedicato alla moglie di Zeus.

I monumenti più importanti del sito archeologico di Ireo sono il Tempio di Hera, il santuario dichiarato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità, il Grande Altare e la Via Sacra.

Tempio di Hera

Il tempio di Hera è stato costruito tra il 570 e 560 a. C. in stile ionico. Questo enorme edificio era lungo 108,73 metri, largo 54,8 e alto 25 metri, tanto da essere quattro volte il Partenone, e la sua struttura interna era circondata da due file di colonne invece della fila unica generalmente utilizzata.

Quando furono erette, sui resti di un edificio precedente, le due ali del tempio erano composte da 155 colonne di cui oggi solo una singola colonna e mezzo è visibile, tanto che la zona è chiamata anche Colonna.

Un fregio continuo ornava la sommità delle pareti del pronao e della cella. Il terreno su cui è stato costruito è paludoso visto che si trova alla foce del fiume Imbrasus, luogo associato al culto della dea Hera.

Una strada sacra lastricata larga 4 metri e ornata con statue, collegava il santuario con la città di Pythagorion.

Manolates

Manolates è un piccolo villaggio tradizionale che si trova nella parte settentrionale dell’isola di Samos, in posizione centrale, a 25 chilometri da Vathi, lungo la strada tra Karlovasi e Kokari.

Famoso per la produzione di vino e le botteghe artigiane, Manolates fa della sua architettura e delle sue viste mozzafiato sul Mar Egeo i suoi punti forte.

Manolates è un villaggio di montagna, è circondato da una vegetazione lussureggiante, e si trova a 380 metri sul livello del mare offrendo così al visitatore la possibilità di spaziare con lo sguardo fino alle coste della Turchia.

La via centrale del borgo è meravigliosa e ricca di negozietti di ceramica e gioielli oltre a molte taverne.

I vicoli si Manolates sono di ciottoli su cui si affacciano piccole e tradizionali case di pietra adornate con bellissimi fiori dai colori vivaci.

Antico Teatro

Le rovine dell’Antico Teatro, di cui oggi possiamo ammirare solo il palco e una fila di sedili, si trovano vicino al villaggio di Pythagorion su un pendio nel sudest di Samos, a poco più di 100 metri dal monastero di Spiliani.

Nei tempi antichi questo sito doveva essere il centro culturale dell’isola e oggi la sua eredità è raccolta dagli artisti che mettono in scena suggestivi spettacoli teatrali, tragedie antiche, concerti e piece moderne.

Costruito in epoca romana, l’Antico Teatro oggi presenta una struttura in legno che protegge il monumento ma al tempo stesso lo rende fruibile, valorizzando anche l’area circostante.

Vari siti archeologici si trovano nelle vicinanze dell’Antico Teatro tra cui l’Efpalinion Orygma, le antiche mura di Policrate a Kastro, il santuario a cielo aperto di Cibele, il cimitero paleocristiano, la Basilica di Panagitsa con i pavimenti a mosaico, il Tempio di Artemide, le terme romane, e molti altri.

Efpalinion Orygma

Efpalinion Orygma o acquedotto di Efpalinos è uno dei siti archeologici più importanti di Samos.

Questo tunnel per l’acqua si trova a circa 2 chilometri dal villaggio di Pythagorion ed è un vero e proprio gioiello di ingegneria costruito nel VI secolo a. C. sotto la direzione dell’ingegnere Eupalino da Megara, dal quale prende il nome, attraverso il Monte Kastro.

Il tunnel è lungo 1.036 metri ed è stato scavato simultaneamente da entrambe le estremità utilizzando picconi, martelli e scalpelli e al momento dell’incontro al centro del canale la divergenza fu minima.

Costruito specificamente per trasferire l’acqua dalla sorgente Agiades in maniera che i nemici non potessero bloccare il rifornimento d’acqua alla città, l’Efpalinion Orygma fu utilizzato fino alla fine del periodo romano.

Agios Konstandinos

Il villaggio di Agios Konstandinos è la destinazione ideale per tutti coloro che sono alla ricerca di tranquillità e relax.

Il resot si affaccia lungo la costa settentrionale di Samos sul Mar Egeo e si trova a 20 chilometri a est di Vathi.

Questo insediamento costiero, che prende il nome da una chiesa, si trova vicino alla famosa foresta degli usignoli e presenta l’architettura tradizionale di case in pietra a due piani.

Agios Konstandinos si trova tra mare e montagna e si sviluppa lungo il litorale per circa un chilometro. Non lontano si trovano le belle spiagge di Tsabou e Avlakia.

Poco più distante potete raggiungere le spiagge di Tsamadou e Lemonakia, mentre i più pigri apprezzeranno la piccola e stretta spiaggia di ciottoli che si trova proprio di fronte all’abitato di Agios Konstandinos.

Isola di Samiopoula

Samiopoula Samos
Una spiaggia sull’isolotto di Samiopoula

La piccola isola di Samiopoula, Σαμιοπούλα in greco, letteralmente la piccola Samos, si trova a meno di un chilometro dalle coste meridionali di Samos, proprio di fronte al villaggio di Sikia.

L’isola come la sorella maggiore è lunga e stretta e misura poco più di 2 chilometri di lunghezza e appena 700 metri di larghezza nel punto più largo.

Ideale per un’escursione in barca, Samiopoula è facilmente raggiungibile dai porti di Pythagorion, Ormos Marathokambos e Limanaki.

Sono due le spiagge di sabbia bianca finissima sulla piccola isola, la spiaggia Psalida, all’interno della baia più profonda, dove si trova l’unica taverna dell’isola e dove potete usufruire gratuitamente degli ombrelloni, e la spiaggia Katsakas, all’interno di una piccola insenatura protetta dai venti.

Potete anche decidere di soggiornare sull’isola di Samiopoula nell’unico albergo presente o in una delle piccole abitazioni in affitto.